Total de visualizações de página

5 de outubro de 2013

DIRETORIA E CONSELHEIROS ELEITOS PARA GESTÃO 2013-2015

Presidente:
GISSELY LOVATTO VAILATTI

Vice-Presidente:
DENISE DEMOLINER

Presidente do Departamento Jovem: 
CAMILA BAGGIO

Secretária: 
ANDREIA DEBON

Tesoureiro: 
DARCI DANI

Conselho Deliberativo
ADEMIR BARP
DANUBIA OTOBELLI
FLORIANO MOLON
GRAZIELA MAZZAROTTO
RODRIGO MUTERLE

Conselho Fiscal
Titulares
CARLA MUTERLE
PEDRO FERRARI
VIVIAN SCHIAVENIN
Suplentes
MICHAEL MOLON
PAULO CHINATO

14 de junho de 2013

CONVITE: INAUGURAÇÃO DO MONUMENTO AO LEÃO ALADO EM FLORES DA CUNHA


 
Projeto de inauguração de 5 praças em 5 municípios históricos do Rio Grande do Sul




PERCORSI DELLA MEMORIA - LEONI NELLE CITTÀ DEL RIO GRANDE DO SUL

Il LEONE DI SAN MARCO é um símbo antigo com testemunhos arqueologicos sobretudo na Asia Menor, principalmente dos Assirios e populações contiguas. É uma marca de uma civilização, dos povos vênetos e de um território; símbolo de paz, convivência civil e de tradições cristãs. Universalmente conhecido, une de maneira transversal pois pertence desde os primórdios da civilização, muito acima de qualquer ideologia ou manifestação politica. Também os vênetos antigos possuem uma documentada iconografia de leões alados, representados em estátuas , escudos e cinturões, antes mesmo do século V antes de Cristo.

É porém com a tradição Cristã que o Leão Alado passa a ser identificado com Marcos o Evangelista, tornando-se o Leão de São Marcos. Com Santo Irineo no século II foram atribuidos os símbolos aos quatro evangelistas: A aguia a São João, o boi a São Lucas e o anjo a São Mateus. Narra a tradição que o evangelista Marcos, partindo de Aquileia e naufragando na laguna Vêneta, tivesse recebido uma professia de um anjo com semblante de Leão “ Pax tibi Marce, evangelista meus. Hic requiescet corpus tuum”: Paz a ti Marcos, meu evangelista. Aqui repousará o teu corpo. A professia realizou-se no ano de 828 quando o corpo foi transportado de Alessandria, tomada pelos islâmicos, para Veneza. A representação de São Marcos em forma de leão alado possui um preciso significado na iconografia cristã. Simboliza a força da palavra do evangelista, as suas asas representam a elevação espiritual e a auréola é o simbolo cristão da santidade. São Marcos transformou-se em protetor e simbolo da Republica Vêneta que delegava poder ao DOGE, seu substituto. A identificação entre o Estado Vêneto e São Marcos foi fortalecida nos séculos seguintes com a difusão dos símbolos nas portas das cidades, nas praças, nos atos de Estado, nas moedas, nas frotas e no exército. Este processo iniciou mais fortemente no século XIII, difundido amplamente no Renascimento até a queda da República em 1797. Continua a ser utilizado espontaneamente como o principal simbolo de Veneza e dos vênetos. ( fonte Raixe Venete )

30 de maio de 2013

Somente ‘grazie’


No final de março se concluiu o Curso de Economia e Direito Internacional promovido pela entidade italiana Vicentini nel Mondo. Mais que um curso, se concluiu também um sonho particular. A experiência de conhecer o país de origem de minha família e ainda estudar e conhecer mais sobre a Região do Vêneto foi única e inesquecível. Com os italianos aprendi muito. Aprendi que, ao mesmo tempo em que somos diferentes e de tão longe, temos semelhanças incríveis. A distância de um oceano se torna pequena quando nos deparamos com comidas parecidas, hábitos e maneiras de falar iguais aos nossos.

De uma cultura rica, uma economia tradicional e um povo único, sai da Itália com uma bagagem cultural enorme. De um país que sabe valorizar seus produtos, suas marcas e sua casa. Nós brasileiros temos que aprender um pouco com os italianos, aprender a arte de valorizar o que é nosso. E o que dizer sobre a viagem de volta ao tempo? Dos maravilhosos lugares que conheci, visitar a pequena cidade de Tezze Sul Brenta foi uma das mais gratificantes. Foi de lá, em 1884, que meu bisavô, Giovanni Baggio, partiu à procura de uma vida melhor. E foi lá que encontrei inúmeras pessoas com o mesmo sobrenome que o meu.

Só tenho a agradecer pelo Ente Vicentini nel Mondo pela oportunidade. Obrigada também ao Circolo Vicentino de Flores da Cunha e pelo Comitato Vêneto do Rio Grande do Sul. Encontrei em Vicenza uma segunda casa, ou talvez uma primeira. Resumindo tudo: Grazie.

Os participantes do curso de Economia e Direito Internacional, em Vicenza:

Ademara Battaglion – Veranópolis (RS)

Camila Baggio – Flores da Cunha (RS)

Giovani Dell’Antonia – Nova Trento (SC)

Cíntia Duso – Caxias do Sul (RS)

Cláudia Fratini – Florianópolis (SC)

Emerson Luiz Marcuzzo Tolio – Santa Maria (RS)

Vanessa Susana Marengo – Rio Cuarto (Argentina)

Cristiano Pivoto Visentini – Santa Maria (RS)

Andressa Vanzin – Erechim (RS)

Ângela Zamberlan – Santa Maria (RS)

TEXTO e FOTOS: CAMILA BAGGIO

COMUNICATO STAMPA


EMIGRAZIONE: STIVAL, “NUOVA LEGGE EVENTO ATTESO DAI VENETI NEL MONDO. RAPPORTI PIU’ MODERNI E INTENSI ANCHE IN ECONOMIA”

 
(AVN) Venezia, 29 maggio 2013

 
“L’approvazione in Consiglio regionale della nuova legge per i Veneti nel Mondo è un vero e proprio evento, molto atteso dai nostri emigrati e dai loro discendenti, perché accoglie le istanze da loro avanzate nel corso dei numerosi contatti avuti e rende più moderno ed efficace il rapporto della Regione Veneto con lo straordinario e vitale mondo dell’emigrazione”.

Con queste parole l’assessore ai flussi migratori Daniele Stival accoglie l’approvazione da parte dell’assemblea veneta della legge che riforma la precedente normativa in materia di rapporti con l’emigrazione veneta all’estero.

 “Con le modifiche apportate dal nuovo testo normativo- dice Stival- si è voluto riconoscere innanzitutto l’importante ruolo svolto dai nostri emigrati e dagli oriundi, in linea anche con  quanto affermato dal nuovo Statuto regionale. I veneti nel mondo, infatti non solo svolgono un’importante ruolo nel conservare e valorizzare la tradizione, la cultura e i valori del Veneto ma costituiscono fondamentale tramite per la creazione di rapporti economici e commerciali”.

“Con questa nuova legge - aggiunge Stival- abbiamo esteso gli interventi previsti fino alla quinta generazione, accogliendo le istanze pervenute soprattutto dall’America Latina , terra di più antica emigrazione, ove tuttavia rimane ancora forte il legame con la terra d’origine”.

Stival evidenzia le novità più salienti del testo normativo in questione: “sono rappresentate – sottolinea -  oltre che dall’allargamento della platea dei destinatari degli interventi di formazione, di riqualificazione, di scambio agli oriundi di quinta generazione, da una nuova composizione della Consulta regionale, nell’ambito della quale siederanno ora oltre al Presidente della competente Commissione consiliare, e ai rappresentanti dei Comitati e delle Federazioni estere anche  i rappresentanti di tutte le associazioni regionali iscritte allo specifico registro, un rappresentante dell’Anci, un rappresentante delle Camere di Commercio del Veneto , uno del mondo Universitario veneto ed infine, novità tra le novità, un rappresentante dei giovani veneti nel mondo designato nell’ambito del Meeting annuale dei giovani stessi.  Quest’ultimo – evidenzia Stival - è un evento che, previsto nelle due ultime annualità nell’ambito delle leggi finanziarie regionali, viene ora istituzionalizzato con una specifica previsione normativa all’interno del corpo della legge di settore”.

Un’altra importante novità che riguarda la Consulta è la previsione dello svolgimento della stessa “preferibilmente “ in Veneto. Rispetto ad una prima proposta normativa che in modo cogente e per rafforzare il legame con il territorio, disponeva che le riunioni avvenissero sempre in Veneto, l’assessore Stival, accogliendo  una richiesta avanzata dal mondo dell’associazionismo, ha proposto l’emendamento, nella formulazione poi approvata, che prevedendo che la Consulta si tenga  preferibilmente nel territorio veneto da un lato salvaguarda il primario obiettivo di rinsaldare e consentire un rapporto più diretto dei consultori con il territorio regionale, dall’altro lascia la possibilità, qualora ve ne sia la richiesta da parte del mondo dell’associazionismo, di riunire la Consulta stessa anche in uno dei vari paesi del mondo ove sono radicati i Comitati e le Federazioni venete.

Ultime rilevanti novità sono la riduzione del numero dei soci, richiesti necessario per l’iscrizione dei circoli al registro regionale, numero che viene portato da 100 a 50, e la previsione di un elenco delle aggregazioni estere di emigrati ed oriundi veneti che, pur non possedendo i requisiti per la predetta iscrizione, operano con carattere di continuità a favore dei veneti nel mondo.

 
Comunicato nr. 893-2013 (EMIGRAZIONE)

20 de março de 2013

CORSO DI ENOGASTRONOMIA “La cucina veneta ed italiana”

1-20 settembre 2013

REGOLAMENTO

Presentazione:

- Il corso ha per tema la cucina veneta ed italiana e comprende lezioni di gastronomia, le materie prime, gli ortaggi veneti, la frutta, la carne, i prodotti farinacei e suoi derivati, il latte, il pesce, i formaggi, le proprietà nutrizionali degli alimenti, enologia, tipologia dei vini, i principali vini veneti ed italiani, degustazione, descrizione organolettica dei vini, il servizio dei vini, le tecniche di vinificazione, metodi di produzione e conservazione, il servizio in tavola, le principali ricette venete.

La parte pratica prevede esercitazioni con un sommelier, servizio e degustazione dei vini,

esercitazioni pratiche di cucina per la preparazione di antipasti, primi piatti, secondi piatti, contorni, dolci e dessert, abbinamento cibi-vini con uno chef professionista.

- Il corso è teorico-pratico per un totale di 150 ore (20 giorni)

- Il corso si svolgerà presso la Casa dei Polesani e Veneti nel mondo sul Delta del Po, in Veneto.

Possono partecipare:

- 13 giovani di origine veneta (entro la terza generazione), di età non superiore a 39 anni, residenti all’estero (Posti riservati per le Federazioni Venete all’estero)

- 7 uditori di origine veneta ed italiana senza limiti di età

Requisiti di ammissione:

- Curriculum vitae con attinenza al settore oggetto del corso (studenti di enogastronomia, cuochi, titolari di ristoranti/pizzerie, sommeliers, pizzaioli o comunque del settore)

- Buona conoscenza della lingua italiana (Il corso si svolgerà in lingua italiana), pertanto NON saranno ammessi corsisti che non abbiano una buona padronanza linguistica italiana.

- Per i posti riservati alle Federazioni venete: età non superiore a 39 anni, discendenza veneta entro la terza generazione documentata con atti pubblici, certificati ufficiali e/o dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà per chi possiede la cittadinanza italiana, curriculum e buona conoscenza della lingua italiana.

Quote di partecipazione:

- Per i 13 partecipanti delle Federazioni venete il progetto offre il volo aereo dal proprio paese a Venezia e ritorno, vitto e alloggio alla Casa dei Polesani e Veneti nel mondo per tutta la durata del corso, docenti, materiale didattico, trasporti e visite alle aziende secondo il programma concordato con la Regione Veneto. Quota di partecipazione euro 600 a testa.

- Per i 7 uditori l’associazione Polesani nel mondo offre la possibilità di partecipare al corso mettendo a disposizione il vitto, l’alloggio, trasporti, docenti, materiale didattico, visite alle aziende per um contributo di partecipazione di euro 900 (novecento). La quota del volo aereo è a carico di ogni partecipante e non è compresa nella quota di iscrizione*Diplomi - Al termine del corso sarà rilasciato ai partecipanti un attestato di partecipazione Termini di iscrizione:

- Per tutti il termine di presentazione delle domande è fissato al 15 aprile 2013.

- Ogni candidato può inviare una domanda in carta semplice (corredata di nome, cognome, data di nascita, residenza) e curriculum al coordinatore del progetto:

Marco Di Lello – Associazione Polesani nel Mondo Mail: marcodilello@libero.it

(*) qualora richiesto è possibile prenotare il volo aereo direttamente in Italia assieme all’arrivo del gruppo